EffettoNapoli - Logo Esteso
Newsletter

Teatro

Il Macbeth di Luca De Fusco in anteprima al NTFI

Ntfi19062016Macbeth

La lettura di Harold Bloom del Macbeth, presentata in vari saggi e anche in una curatela nella famosa collana “Harold Bloom’s  Modern Critical Interpretation”, guarda all’opera e ai personaggi del dramma shakespeariano in un’ottica specificamene psicanalitica. Il tormento e l’ambizione di Macbeth e della sua Lady  sono un dramma ossessivo della mente dei protagonisti. In questo contesto, le streghe e il crescendo di sangue diventano materializzazione delle paure del Signore di Glamis e Cawdor e futuro Re di Scozia e consorte.

Questa chiave di lettura è evidente nella messa in scena approntata da Luca De Fusco, presentata in anteprima al Mercadante il 19 e  il 20 giugno per il Napoli Teatro Festival 2016 e in programmazione nella prossima stagione del Nazionale. De Fusco realizza un Macbeth che è una visualizzazione dell’io dei personaggi attraverso delle scelte registiche forti e decise e che vanno a unire la messa in scena classica con elementi video.

In tal modo, la recitazione dei protagonisti Luca Lazzareschi e Gaia Aprea viene, nei monologhi fondamentali del dramma, amplificata attraverso giganteschi primi piani proiettati sul tulle che è essenziale nel gioco scenografico. Una scelta che porta lo spettatore a proiettarsi all’interno della piscosi e dell’ossessione di Macbeth e Lady Macbeth.

Una scelta interessante, che, in alcuni frangenti, risulta di grande impatto come nella splendida visualizzazione della foresta che sin dall’inizio del dramma, nelle intenzione di De Fusco, si impone oscura e minacciosa. La foresta, fin dall’inizio, dà anche un’altra chiave di lettura che solo parzialmente sembra allontanarsi alla  base freudiana dell’interpretazione di Bloom, ovvero un Macbeth come un insieme di riti di passaggio vangenneppiani che porteranno Macbeth ad avere il suo ruolo nella società (uomo e Re), per poi perdere quel  ruolo.

Quello che ne esce fuori è, anche grazie a una musica giustamente inquietante, un Macbeth orrorifico e che riporta alla memoria le opere di Joahnn Heinrich Füssli.

[Photo: napoliteatrofestival.it]

●●●

Condividi:
Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedback
Visualizza tutti i commenti

Newsletter

Resta aggiornato ogni settimana sui nostri ultimi articoli e sulle notizie più interessanti dal nostro blog.
Privacy Policy

Google reCaptcha: chiave del sito non valida.