EffettoNapoli - Logo Esteso
Newsletter

Teatro

Il dramma della Siria in “Mentre aspettavo” di Omar Abusaada

Presentato al Teatro Bellini per il Napoli Teatro Festival, Mentre aspettavo, diretto dal giovane regista siriano Omar Abusaada, è uno spettacolo  necessario e interessante ben al di là dei suoi meriti artistici. È una produzione necessaria per comprendere, o almeno cercare di comprendere, il dramma di un Paese e di un popolo, quello siriano, che da ormai più di cinque anni vive una guerra che non è solo guerra civile. Un conflitto che riguarda loro, ma anche noi e il resto del mondo. Riprendiamo la trama dello spettacolo per come si legge nel programma: “Brutalmente picchiato dopo aver attraversato uno dei numerosi check points che frazionano Damasco, Taim viene accolto in ospedale privo di conoscenza. I medici informano la famiglia che si trova a confrontarsi con una situazione drammatica: dopo aver superato la tragica morte del padre e lo scandalo che ne è conseguito, la famiglia sembra incapace di affrontare lo stato comatoso del figlio. Dal suo sonno profondo, il giovane osserva tutti i parenti che si recano a fargli visita e, mescolando la loro voce con la propria, racconta la storia dei cambiamenti che ha subito la sua vita e il suo paese. Per costruire questo lavoro sull’onnipresenza dell’assenza, Omar Abusaada ha incontrato famiglie che vivono il dramma del coma e medici che se ne prendono cura”.

E, in effetti, Mentre aspettavo è una forte testimonianza, che ha il pregio di non essere una denuncia  polemica e ad effetto, e per questo ancora più forte. Ma ha dei limiti artistici che riguardano prevalentemente la scrittura del testo approntata insieme con Mohammad Al Attar. Dal punto di vista registico e attoriale il tutto funzione, con una scenografia d’impatto, soluzioni visive ben calibrate, e interpreti realistici e davvero in parte. Interessante e chiara, ad esempio, la scelta  del regista di dividere il palco su due livelli verticali: la parte superiore dove Taim osserva e parla che rappresenta la macro-vicenda, la Storia; il palco inferiore con il dramma intimo, familiare, quasi un dramma borghese siriano.

Tuttavia il testo, a lungo andare, dà segni di ripetitività nei dialoghi, nel sottolineare continuamente cose ed elementi che, forse, detti una volta sola avrebbero avuto una forza maggiore. È  la struttura delle interazioni dei personaggi attorno al letto di Taim in coma a ripetersi. Probabilmente se Mentre aspettavo fosse durato mezz’ora in meno ne avrebbe giovato. Rimane comunque uno spettacolo interessante e da vedere.

 

●●●

Condividi:
Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedback
Visualizza tutti i commenti

Newsletter

Resta aggiornato ogni settimana sui nostri ultimi articoli e sulle notizie più interessanti dal nostro blog.
Privacy Policy

Google reCaptcha: chiave del sito non valida.