EffettoNapoli - Logo Esteso
Newsletter

Cultura, Libri

Silvio Perrella e il fascino delle parole

Silvio_PerrellaSilvio Perrella ha la dote della fascinazione. Usa la parola e il suo potere come pochi altri. E insieme alla parola la scrittura “orale”, al di là delle pagine scritte dei suoi volumi. Queste sono le prime suggestioni che mi vengono in mente, ripensando all’incontro presso Home & More organizzato da Nando Vitali, Maria Rosaria Vado, Carlo Ziviello, Davide D’Urso e Sabrina Vitiello, dal titolo: “L’arte di camminare  senza peso da Calvino a Senza Scatto. Viaggio nel percorso poetico di Silvio Perrella”.

E il grande fascino di Perrella, del suo parlare e del suo  “narrare”, è per l’appunto quello di parlare e “narrare” se stesso  attraverso i libri degli altri, attraverso gli altri autori. Inizia così un percorso personale in cui la scrittura  di Perrella e la vita intellettuale di Perrella si intersecano con i libri e gli autori incontrati, a partire da quell’Italo Calvino di  fondamentale importanza.

È forse sbagliato definire l’incontro una lectio magistralis, ma quello a cui si è dato vita è qualcosa che sta tra conversazione e  lectio, fascinosa, affabulatoria, in cui i ricordi personali si mescolano alla critica vera. In realtà ricordi e critica sono due componenti complementari, due facce  di  una stessa  medaglia, che vanno di pari passo nella formazione intellettuale.

(foto: Wikipedia)

 

●●●

Condividi:
Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedback
Visualizza tutti i commenti

Newsletter

Resta aggiornato ogni settimana sui nostri ultimi articoli e sulle notizie più interessanti dal nostro blog.
Privacy Policy

Google reCaptcha: chiave del sito non valida.