Portale di approfondimento cittadino    |
Chiacchiere di Carnevale: un classico del dolce!
12 febbraio, 2013   |  

chiacchiere di carnevale

“Chiacchiere”, intese come le parole non riempiono la pancia. Ma a Napoli sono Chiacchiere e quelle di Carnevale si che riempiono la pancia. Pare che nel torinese le chiamino ‘bugie’; in Toscana son ‘cenci’, ‘sossole’ nel veronese, ‘lattughe’ a Mantova e ‘intrigoni’ a Reggio Emilia, tanto per raccontarvene alcune. Le Chiacchiere  si fanno risalire verosimilmente  ad un’antichissima tradizione  le frictilia, dolci fritti nel grasso di maiale che nell’antica Roma venivano preparati proprio durante il periodo di“Saturnali” festeggiamenti in onore di Saturno, dio della semina e del raccolto e poi con l’avvento del cristianesimo è probabile che questa festa si sia trasformata nel Carnevale da carnem levare, “non mangiare carne”. E questi dolci venivano prodotti in gran quantità poiché dovevano durare per tutto il periodo della Quaresima.

Dopo qualche cenno storico ecco la ricetta delle Chiacchiere:

Chiacchiere di Carnevale

_

Ingredienti per quattro persone:

Farina “00” gr 300

Uova 2 intere

Un limone grattugiato

Sale gr 10

Zucchero gr 50

Liquore d’Anice ml 20

Zucchero a velo gr 200

Olio di semi 1,5 lt

_

Procedimento:

  • Ponete sul banco da lavoro la farina a fontana. Al centro della fontana, mescolate le uova, il sale, lo zucchero ed il limone grattugiato.
  • Impastate il tutto e aggiungete solo adesso l’anice lavorate energicamente la massa. Lasciate riposare l’impasto ottenuto per una mezz’ora.
  • Stendete la massa molto sottile, tagliatela a strisce usando anche molta fantasia. Scaldate l’olio, portate a temperatura di 180° C e friggete le strisce. Appena ottengono un colore dorato, scolatele e asciugatele su carta assorbente.
  • Spolverate le chiacchiere con zucchero a velo e servite ai vostri ospiti.

Bene e tra una chiacchiera e altra, potete gustare le vostre Chiacchiere in compagnia dei vostri amici intingendole se volete in un buon Sanguinaccio al cioccolato.

Print Friendly
Inghemarck Guida

Autore : Inghemarck Guida

La mia è una storia di passione per il territorio ed il suo cibo e per il mestiere del cuoco. Ho conseguito il diploma nel 1996 presso il prestigioso Istituto Alberghiero di Vico Equense,. Nell’ambito della mia quasi ventennale esperienza professionale ho collaborato con grandi strutture alberghiere e ristorative. A Napoli ho potuto collaborare al Royal Continental Group.

Tutti gli Articoli