Portale di approfondimento cittadino    |
La tempesta di Shakespeare ed Eduardo al Napoli Teatro Festival
20 giugno, 2016   |  

LaTempesta

La tempesta, rappresentata sotto forma di mise en éspace presso il penitenziario minorile di Nisida nella prima giornata del Napoli Teatro Festival, è uno spettacolo dalla doppia faccia. È innegabile sottolineare il valore che ha questo omaggio sia a Shakespeare che  a Eduardo, che tradusse La Tempesta in napoletano seicentesco nel 1983 e che è alla base della lettura scenica diretta da Fabrizio Arcuri: valore commemorativo, ma anche sociale, come punto di arrivo di un percorso laboratoriale con i ragazzi dell’Istituto Penale Minorile.

Ed è anche innegabile che sono molti gli elementi a favore dello spettacolo, al di là della splendida location naturale e un panorama mozzafiato che guarda a Ischia. Sicuramente tra questi elementi vi  è  una scenografia intelligente, funzionale, che ha reso l’isola di Prospero quasi una napoletana “Isola che non c’è” alla Peter Pan, dando al tutto un tocco fiabesco, ingenuo e positivamente infantile. Quindi anche la musica dal vivo, basata su quella di Antonio Sinagra per la celebre edizione de La tempesta eduardiana dei Fratelli Colla.

Tuttavia, alcune cose non funzionano, dando così allo spettatore una sensazione di  superficialità nella realizzazione del tutto. La prima questione che  si pone riguarda proprio la scelta di realizzare questa Tempesta come lettura scenica. Una volta che si ha una scenografia così intelligente, costumi, musica dal vivo, sembra quasi obbligato il passaggio dalla lettura alla recitazione a memoria. La scelta della lettura scenica dava quasi l’idea di trovarsi ancora in fase di prove.

Ulteriore elemento di discussione è l’interpretazione. Premettiamo subito che proprio i ragazzi del laboratorio teatrale di Nisida (che hanno lavorato a memoria) sono risultati perfettamente in parte, bravi, spiritosi, capaci, che potrebbero avere un bel futuro davanti, con un plauso particolare per l’interprete di Stefano. Tra i professionisti, al di là di un buon Calibano e un altrettanto buon narratore (siamo pur sempre in una lettura scenica con brani tratti da Shakespeare ed Eduardo, quindi il narratore è d’obbligo come raccordo), si possono riscontrare delle pecche non da poco. Michele Placido è sembrato a tratti fare il verso a Eduardo, nella voce, nei toni, nella mimica, dando vita a un personaggio che più che a Prospero, nel suo rapporto con la figlia Miranda e con lo spirito Ariele, assomigliava a Luca Cupiello. Se il rapporto con Miranda, affettuoso, pateticamente paterno, era in fondo giustificato dallo stesso Eduardo, l’interagire tra Prospero  e Ariele, per  come qui realizzato, ha qualcosa che stona e di fastidioso, qualcosa che sembra non essere né farsa né parodia, ma una presa in giro che vuole in tutti i modi accattivarsi le simpatie del pubblico senza riuscirci.

[Photo: napoliteatrofestival.it]

Print Friendly
Armando Rotondi

Autore : Armando Rotondi

È docente di Letteratura Italiana a L'Orientale di Napoli e Full-Time Lecturer in Performance Theory, History and Criticism e in Story-Telling a Barcellona. Precedentemente è stato Adjunct Prof. presso la Nicolaus Copernicus University di Torun (Polonia) e ricercatore in visita a Bucarest e ha insegnato Discipline dello Spettacolo e dei Grandi Eventi al Corso di Laurea in Scienze del Turismo dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Dopo essersi laureato in teatro e cinema presso la “Federico II” e “La Sapienza” di Roma, ha conseguito il Dottorato di Ricerca all’University of Strathclyde di Glasgow. È stato traduttore per il Tron Theatre di Glagow. Iscritto come giornalista al Chartered Insitute of Journalist (UK), ha pubblicato quattro monografie, un volume in curatela e circa cento tra articoli scientifici, schede di catalogo e voci di dizionario/enciclopedia. È stato inoltre relatore in più di venti convegni internazionali in Italia, Stati Uniti, Gran Bretagna, Polonia, Romania, Turchia, Irlanda e Repubblica Ceca.

Tutti gli Articoli