Portale di approfondimento cittadino    |
“Il coro negato”: al Nouveau Thêatre de Poche spettacolo-omaggio ad Antonio Neiwiller
13 gennaio, 2014   |  

Il coro negatoStasera al Nouveau Théâtre de Poche (poi alla Sala Assoli del Nuovo Teatro Nuovo il 21-22 gennaio) va in scena Il coro negato, spettacolo-omaggio che il regista Sandro Dionisio ha voluto dedicare al genio di Antonio Neiwiller (1948 – 1993, foto comunicato stampa), attore, regista e pensatore, tra i massimi del teatro di ricerca italiano, scomparso prematuramente a soli 45 anni, autore e performer in pièce storiche del teatro sperimentale degli anni ’70-’80 come Ti rubarono a noi come una spiga (1974), Berlin Dada (1977), Anemic Cinema (1979), Titanic (1983), Darkness (1984), instancabile sperimentatore e combinatore di linguaggi, conosciuto anche dal pubblico cinematografico più colto per i suoi ruoli in Morte di un matematico napoletano (1992) dell’amico e sodale Mario Martone e in Caro diario (1993) di Nanni Morretti.

Sandro Dionisio ha composto per l’occasione (i venti anni dalla scomparsa di Neiwiller) un oratorio poetico interpretato dagli attori Christian Izzo, Salvatore Cantalupo e Tina Femiano, ma Il coro negato è un’opera polifonica e composita, aperta alle contaminazione con le altri arti, in cui Dionisio ha coinvolto artisti che di Neiwiller furono amici e collaboratori, come Enzo Moscato, di cui Cristina Donadio interpreterà Little Peach, mentre la voce del “nostro” risuonerà nella interpretazione del suo manifesto/testamento Per un teatro clandestino, ad opera di Maria Luisa Firpo, reagendo con le “voci” coeve di Giuseppe Patroni Griffi (Gino Curcione leggerà brani da Il mio cuore è nel sud) e Annibale Ruccello, ma anche con quella di Carmen Femiano che interpreta Alfonsina y el mar per voce e chitarre; il filmato L’altro sguardo di Rossella Ragazzi documenta invece l’ultima avventura teatrale che ha visto protagonista Neiwiller.

L’omaggio ad un grande artista che dalla polvere dei palchi improvvisati delle salette off cittadine portò alto il nome di Napoli nel campo del teatro di avanguardia, è innanzitutto – nelle parole di Sandro Dionisio – “un omaggio ad un amico scomparso”, un’opera aperta ed in fieri, un accorato canto d’amore per un artista generoso e seminale.

CETRA Produzioni presenta

Il coro negato
(Oratorio per Neiwiller) nel ventennale della sua scomparsa

Regia: Sandro Dionisio
Con Salvatore Cantalupo, Max Carola, Agostino Chiummariello, Gino Curcione, Cristina Donadio, Carmen Femiano, Tina Femiano, Maria Luisa Firpo, Christian Izzo.
Disegno luci: Gennaro Maria Cedrangolo
e la proiezione del film L’altro sguardo di Rossella Ragazzi.

Lunedì 13 gennaio 2014 ore 21
Nouveau Théâtre de Poche – via Salvatore Tommasi 15, Napoli

INGRESSO GRATUITO. CONSIGLIATA LA PRENOTAZIONE.
TEL 0815490928/ 0039 3473570098

Print Friendly
Salvatore Iorio

Autore : Salvatore Iorio

Nato a Torre Annunziata (Na) il 29 agosto 1979 e laureato in lettere moderne, è redattore di Quaderni di Cinemasud, periodico di cultura cinematografica. Ha pubblicato saggi e articoli anche su Cinemasessanta e Airsc-Notizie. Ha lavorato come aiuto-regia per Ettore Massarese negli spettacoli Cinematografo (2006 – 2007) e Santo Pulcinella, il demonio e les amis du jeu (2007), per Mario Amura nel videoclip Mexico (2005) e per Marcello Amore nel cortometraggio L’estro di Mario (2009). Ha pubblicato un contributo nella monografia collettiva Alberto Grifi: Oltre le regole del cinema (Mephite, 2008). Ha curato la monografia Per Massimo Troisi. Saggi, ricordi, riletture (Mephite, 2010), dedicata al grande comico napoletano, e Cronache futuriste (1932 – 1935) di Emanuele Caracciolo (Mephite, 2012), raccolta degli scritti critici del regista cinematografico perito nella strage nazista delle Fosse Ardeatine.

Tutti gli Articoli



Archivi