Portale di approfondimento cittadino    |
Il capolavoro “Les aiguilles et l’opium” di Robert Lepage
11 luglio, 2016   |  

Aiguilles-Opium_053.NFV_Ed ecco il capolavoro andato in scena al Politeama: Les aiguilles et l’opium di Robert Lepage che, sotto richiesta del protagonista Marc Lebrèche, ha rivisitato un suo vecchio spettacolo. Rivisitato e non riproposto perché Lepage, grande maestro canadese, attesissimo al Napoli Teatro Festival, ha ragionato, riscritto e ripensato la regia: «Terrorizzato dall’idea di confrontarmi con i fantasmi dei miei vecchi ideali, evito quasi sempre di riprendere i miei primi spettacoli. E, dato che sfortunatamente non sono una persona nostalgica, confesso di aver esitato a lungo quando Marc Labrèche mi ha proposto di riprendere Les Aiguilles et l’opium. Creato nel 1991 in seguito a una dolorosa rottura amorosa, Les Aiguilles et l’opium voleva essere una riflessione sulla pulsione e il dolore che spingono certi artisti alla creazione, tessendo dei parallelismi tra la dipendenza amorosa e quella agli oppiacei. Mi sono quindi imposto il duro lavoro di visionare vecchie registrazioni VHS per scoprire che, anche se la scrittura scenica era invecchiata, lo scopo sembrava non aver perso nulla della sua efficacia. Scritto molto prima di Internet, dei social media e dell’11 settembre, le riflessioni esistenziali del protagonista sono oggi più universali che mai e gli estratti della Lettera agli americani di Jean Cocteau ci appaiono oggi quasi profetici».

La perfezione dello spettacolo rende superfluo qualsiasi commento: tre personaggi, Jean Cocteau, Miles Davis e un autobiografico Robert con il primo e l’ultimo interpretati dal bravissimo e citato Lebrèche; una regia immensa, visionaria, illusionistica, perfetta, con momenti kitsch (l’ascesa in cielo a inizio e fine spettacolo) possibili e plausibili dal personaggio assoluto Cocteau.

Con Les aiguilles et l’opium, il Napoli Teatro Festival ha regalato al pubblico l’ultimo tassello di una ipotetica trilogia “della visione e dell’illusione”, composta da alcune delle migliori cose viste durante la rassegna: Kiss&Cry di Jaco Van Dormael, ST/LL di Shiro Takatani e, per l’appunto, Les aiguilles et l’opium

Print Friendly
Armando Rotondi

Autore : Armando Rotondi

È docente di Letteratura Italiana a L'Orientale di Napoli e Full-Time Lecturer in Performance Theory, History and Criticism e in Story-Telling a Barcellona. Precedentemente è stato Adjunct Prof. presso la Nicolaus Copernicus University di Torun (Polonia) e ricercatore in visita a Bucarest e ha insegnato Discipline dello Spettacolo e dei Grandi Eventi al Corso di Laurea in Scienze del Turismo dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Dopo essersi laureato in teatro e cinema presso la “Federico II” e “La Sapienza” di Roma, ha conseguito il Dottorato di Ricerca all’University of Strathclyde di Glasgow. È stato traduttore per il Tron Theatre di Glagow. Iscritto come giornalista al Chartered Insitute of Journalist (UK), ha pubblicato quattro monografie, un volume in curatela e circa cento tra articoli scientifici, schede di catalogo e voci di dizionario/enciclopedia. È stato inoltre relatore in più di venti convegni internazionali in Italia, Stati Uniti, Gran Bretagna, Polonia, Romania, Turchia, Irlanda e Repubblica Ceca.

Tutti gli Articoli