Portale di approfondimento cittadino    |
‘Namusica riparte al Riot Studio: il 31 ottobre si suona “In Nomine”, tra jazz e sperimentazione
31 ottobre, 2014   |  

Trio Longobardi-Rabbia-Roccato (1)

‘Namusica riparte per la terza edizione al Riot Studio di Via San Biagio dei Librai: stasera 31 ottobre alle 20.30 il trio Longobardi, Roccato, Rabbia suona In Nomine, esercizio di improvvisazione oltre il jazz che intende celebrare la singolare curva musicale di Giacinto Scelsi, aristocratico compositore, seguace di Berg e Scriabin e innovatore della musica micro tonale, le cui partiture nascevano dalle sue  improvvisazioni al pianoforte e all’ondiola, tastiera a oscillazione dei primi del Novecento, alla quale Scelsi stesso attribuì il compito di “[…] raggiungere il cuore del suono”.
‘Namusica, un progetto a cura di Dissonanzen e Progetto Sonora  Networks & Perfoming Arts in collaborazione con Riot Studio e rete ‘Namusica, con il sostegno dell’Istituto Banco di Napoli – Fondazione, si compone così di tre appuntamenti musicali, dal 31 ottobre al 12 dicembre, dedicati all’improvvisazione e all’incontro tra versi, sperimentazioni e musica.

In Nomine, è un progetto a cura del trio formato dal pianista Ciro Longobardi, dal percussionista Michele Rabbia e dal contrabbassista Daniele Roccato,formazione che ha riscosso notevole successo fin dal suo debutto, nel 2012 a Forlì, e che si esibisce per la prima volta a Napoli. Daniele Roccato è uno dei più attivi virtuosi del contrabbasso classico e contemporaneo; Michele Rabbia eccellente percussionista collabora con i grandi jazzisti della scena italiana ed europea; Longobardi è pianista di riferimento per il repertorio moderno e contemporaneo, e membro dell’ensemble Dissonanzen. Ad accomunarli una passione per la libera improvvisazione. L’idea di partenza sta nell’adottare una delle formazioni classiche del jazz degli ultimi 60 anni, piano, contrabbasso e batteria, e verificare quali sonorità può produrre l’alchimia tra menti musicali diverse e non necessariamente legate alla musica afroamericana. Un concerto che nel titolo riprende In Nomine Lucis di Giacinto Scelsi, opera suggestiva dell’autore ligure. Per Scelsi “E’ il suono ciò che conta, più che la sua organizzazione. La musica non può esistere senza il suono. Il suono esiste di per sé senza la musica. La musica evolve nel tempo.  Il suono è atemporale.” Spiega Ciro Longobardi: “Credo che questa affermazione riassuma bene l’estetica di Scelsi la sua attenzione al suono come materia vibrante da scandagliare più che come elemento di un progetto da realizzare a tavolino.” L’improvvisazione, dunque, come momento iniziale e fondante di ogni sua composizione, concetto ripreso dal trio nei loro concerti  in cui il suono, nelle sue infinite sfumature, è tutto.

‘Namusica prosegue venerdì 28 novembre con lo spettacolo Luna Lunera, dove le musiche originali di Marco Sannini e Francesco D’Errico si intrecciano alla poesia di Garcia Lorca, recitata da Enzo Salomone. La rassegna si concluderà venerdì 12 dicembre con il recital Parole…cantate: Adria Mortari leggerà e canterà Brecht, accompagnata al piano da Salvatore Biancardi; musiche di Kurt Weill, Hans Eisler, Paul Hindemith.

IN NOMINE

(a Giacinto Scelsi)

Ciro Longobardi     pianoforte

Michele Rabbia      percussioni ed elettronica

Daniele Roccato     contrabbasso

Ingresso con tesseramento 5 euro

 

info: www.namusica.it www.dissonanzen.itwww.progettosonora.it www.riotstudio.it

Riot Studio Via S. Biagio dei Librai, 39 Napoli  +39 081 195 22929

Print Friendly
Rosa Criscitiello

Autore : Rosa Criscitiello

32 anni, afragolese. Dopo aver sostenuto i suoi esami presso l’ateneo federiciano ed essersi dedicata al teatro (laboratorio teatro Elicantropo, drammaturgia e regia), lascia l’Italia e termina gli studi laureandosi in Lingua e Cultura Italiana (Italiaanse Taal en Cultuur) all’Universiteit van Amsterdam; torna per un master in Management degli eventi e dei prodotti musicali, teatrali e cinematografici (Pomigliano Jazz Festival, Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II), al quale segue uno stage in “Stella Film”. Nel frattempo, si dedica alla progettazione culturale ed infine approda alla produzione di concerti, collaborando con Concerteria, Promomusic Italia e l’allestitore Italstage. Appassionata della propria italianità e dell’incontro tra le culture, parla benissimo l’inglese e molto meno bene il nederlandese, ed è, a tempo perso, un’insegnante di italiano a stranieri.

Tutti gli Articoli