Portale di approfondimento cittadino    |
“Giornate Professionale di Cinema” di Sorrento 2012: verso la conclusione
7 dicembre, 2012   |  

Con le anteprime di stasera e domani al cinema-teatro Tasso di Sorrento si conclude la XXXV edizione delle Giornate Professionali di Cinema, organizzate dalle associazioni di categoria ANEC, ANEM e ANICA, già conclusasi ieri – per la parte ospitata all’Hilton Sorrento Palace – con la proiezione a sorpresa dell’ultimo cartoon animato in stop motion targato Tim Burton, Frankenweenie, versione canina di Frankenstein che riprende il tema del primo cortometraggio omonimo del celebre autore di Nightmare before Christamas e La sposa cadavere, fedele ancora una volta alla sua collaudata poetica del macabro gentile (il film verrà replicato anche al cinema Armida l’8 dicembre alle ore 18:30, per una proiezione gratuita – i biglietti sono a disposizione presso la Fondazione Sorrento di Villa Fiorentino – gentilmente offerta dalla Walt Disney).

Le proiezioni di oggi 7 dicembre al Tasso sono particolarmente interessanti: alle 18 l’anteprima nazionale di To the wonder, ultima pellicola di Terrence Malick vista in concorso all’ultima Mostra di Venezia (con Ben Affleck, Olga Kurylenko, Rachel McAdams, Romina Mondello) che, sebbene non sia il film migliore del maestro texano Palma d’oro a Cannes 2011 con The tree of life (anzi, alimenti il più che fondato sospetto di un inane manierismo malickiano, tendente ad avvitarsi su sé stesso), resta pur sempre un’alta esperienza cinematografica sui temi della coppia, dell’unione e della separazione, della ricerca di Dio, della comunione uomo-natura (tema principe dell’opera del cineasta); alle ore 20:30 è la volta del contestatissimo E la chiamano estate di Paolo Franchi, giudicato negativamente da pubblico e critica al recente Festival di Roma, ma premiato con il premio della Giuria e all’attrice protagonista Isabella Ferrari, stasera omaggiata con una serata d’onore e premiata dal sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, con un premio speciale alla carriera. L’opera di Franchi è – in soldoni – una raggelata analisi di una coppia disfunzionale: lui è innamoratissimo della moglie ma non riesce a possederla, mentre si concede eccessi di ogni genere con altre donne; lei, frustrata dalla situazione, viene spinta dallo stesso marito a incontrare ex amanti…

Con questi colpi di coda si conclude un’edizione delle Giornate alquanto sottotono (ci s’è messo anche il maltempo!), dominata da una crisi palpabile che ha ridotto drasticamente il numero dei servizi ricettivi per gli accreditati (specie stampa), ma anche doverosamente abbassato le quote di partecipazione per gli esercenti cinematografici, vero pilastro – inutile ricordarlo – del sistema cinema di ogni paese, almeno finché rimarrà in vigore la funzione della sala cinematografica.

La tradizionale consegna dei Biglietti d’oro per i film che hanno registrato i maggiori incassi della scorsa stagione ha fatto registrare il trionfo telefonato di Benvenuti al Nord di Luca Miniero, con Alessandro Siani protagonista (seguito da Immaturi – il viaggio di Paolo Genovese e Vacanze di Natale a Cortina di Neri Parenti), che ha anche presentato alcune clip dal suo esordio alla regia, Il principe abusivo (RaiCinema/01), nelle sale da febbraio (nel cast, Christian De Sica): bastano solo poche immagini per capire che si tratta della storia trita e ritrita della principessa che si innamora del tamarro, occasione per lo sciorinamento di frizzi e lazzi di una malintesa moderna comicità napoletana. Ad ogni modo, in omaggio al comico napoletano il maestro pasticciere sorrentino Antonio Cafiero ha presentato una torta ispirata al film in questione.

Oltre alla consueta kermesse di presentazione dei listini della case di produzione e distribuzione cinematografica presenti, si sono viste a Sorrento anche delle buone anteprime: l’esordio senile alla regia di Dustin Hoffmann, Quartet, l’ultimo film di Susanne Bier, All you need is love (girato in parte proprio a Sorrento), Promised land di Gus Van Sant, Razzabastarda di Alessandro Gassmann (altro esordio), Benur di Massimo Andrei, Troppo amici di Olivier Nakache ed Eric Toledano, sicuri protagonisti della stagione cinematografica in corso.

Per tutte le info: http://www.giornatedicinema.it/

Photo © Michela Iaccarino

Print Friendly
Salvatore Iorio

Autore : Salvatore Iorio

Nato a Torre Annunziata (Na) il 29 agosto 1979 e laureato in lettere moderne, è redattore di Quaderni di Cinemasud, periodico di cultura cinematografica. Ha pubblicato saggi e articoli anche su Cinemasessanta e Airsc-Notizie. Ha lavorato come aiuto-regia per Ettore Massarese negli spettacoli Cinematografo (2006 – 2007) e Santo Pulcinella, il demonio e les amis du jeu (2007), per Mario Amura nel videoclip Mexico (2005) e per Marcello Amore nel cortometraggio L’estro di Mario (2009). Ha pubblicato un contributo nella monografia collettiva Alberto Grifi: Oltre le regole del cinema (Mephite, 2008). Ha curato la monografia Per Massimo Troisi. Saggi, ricordi, riletture (Mephite, 2010), dedicata al grande comico napoletano, e Cronache futuriste (1932 – 1935) di Emanuele Caracciolo (Mephite, 2012), raccolta degli scritti critici del regista cinematografico perito nella strage nazista delle Fosse Ardeatine.

Tutti gli Articoli