Portale di approfondimento cittadino    |
All’Orto Botanico continua la rassegna teatrale “Brividi d’estate”. Fino al 5 agosto
31 luglio, 2012   |  

Ultima settimana per “Brividi d’estate”, la notevole rassegna di teatro e musica organizzata dalla Compagnia “Il pozzo e il pendolo” al fresco dell’incanto naturale dell’Orto Botanico di Napoli in Via Foria.

Stasera, 31 luglio, è in scena Antonello Cossia con la sua riduzione di “Sola Andata” di Erri De Luca: con l’ausilio delle immagini di Mario Laporta e del commento musicale di Francesco Sansalone, l’attore partenopeo porta sul palco la rabbia per l’ingiustizia della condizione delle migliaia di migranti che, spinti dalla miseria e dalla guerra nei loro paesi d’origine d’Africa e d’Asia, si riversano disperati sulle coste dell’Occidente ricco e indifferente, lasciando spesso la pelle nelle traversate. Un dramma che l’Italia vive nella cronaca diuturna di sbarchi, di cui Lampedusa è spesso centro, geografico e morale.

Il 1° agosto sarà invece la volta di Ernesto Lama e di Elisabetta D’Acunzo con il loro “Matamoro”, programmato ne “I mercoledì delle risate”: un surreale “Cammino di Santiago” verso Compostela con al centro due viandanti-penitenti molto “sui generis”; tra racconti di licenza e penitenza, si riderà, ma la risata avrà un retrogusto amarognolo.

“All’idea di quel metallo” è invece il titolo del nuovo spettacolo dei Posteggiatori tristi, (foto piccola) in scena il 2 agosto: il trio composto da Pietro Botte, Davide D’Alò e Ivan Virgulto sarà alla prese con una serenata molto particolare, commissionata loro da un misterioso commendatore. Sarà l’inizio di una turbolenta vicenda, irresistibilmente comica.

Il 3 agosto ritorna l’improvvisazione e l’eclettismo de “La magica fiera dell’arte”, progetto ideato da Annamaria Russo e coordinato da Ramona Tripodi: dalle 20 alle 23:30 si potrà girovagare per l’Orto incrociando ad ogni angolo le esperienze più diverse, performance estemporanee, artisti di strada, acrobati, clown, spettacolo di marionette, ma anche “L’albero dei desideri”, uno “sfogatoio” e banchetti di ristoro. Un “lunapark del teatro” per alimentare la fantasia di grandi e piccoli.

A chiudere la rassegna, nel weekend del 4-5 agosto alle 21, “D’antiche leggende” (foto grande), spettacolo ricavato da motivi di Benedetto Croce e Matilde Serao, rielaborati ancora da Annamaria Russo (del resto, direttrice artistica dell’intera manifestazione): al centro dell’opera (tra i protagonisti, ancora Cossia), l’importanza delle leggende e dei racconti napoletani tramandatisi oralmente per secoli (su figure come Colapesce, La Bella ‘Mbriana, Maria D’Avalos), vero cuore pulsante della “napoletanità” più tenace, un patrimonio minacciato da una malintesa globalizzazione e dalle colpe di una contemporaneità che dimentica il passato su cui si fonda il proprio futuro.

Ingresso a tutti gli spettacoli: € 12.

Per info e prenotazioni: http://www.ilpozzoeilpendolo.it

[foto: ilpozzoeilpendolo.it]

Print Friendly
Salvatore Iorio

Autore : Salvatore Iorio

Nato a Torre Annunziata (Na) il 29 agosto 1979 e laureato in lettere moderne, è redattore di Quaderni di Cinemasud, periodico di cultura cinematografica. Ha pubblicato saggi e articoli anche su Cinemasessanta e Airsc-Notizie. Ha lavorato come aiuto-regia per Ettore Massarese negli spettacoli Cinematografo (2006 – 2007) e Santo Pulcinella, il demonio e les amis du jeu (2007), per Mario Amura nel videoclip Mexico (2005) e per Marcello Amore nel cortometraggio L’estro di Mario (2009). Ha pubblicato un contributo nella monografia collettiva Alberto Grifi: Oltre le regole del cinema (Mephite, 2008). Ha curato la monografia Per Massimo Troisi. Saggi, ricordi, riletture (Mephite, 2010), dedicata al grande comico napoletano, e Cronache futuriste (1932 – 1935) di Emanuele Caracciolo (Mephite, 2012), raccolta degli scritti critici del regista cinematografico perito nella strage nazista delle Fosse Ardeatine.

Tutti gli Articoli