Portale di approfondimento cittadino    |
La Tirrenia mette all’incanto la sua collezione d’arte: da domani in mostra al palazzo Caravita di Sirignano col virtuoso del violino Fabrizio von Arx
15 novembre, 2013   |  

Fabrizio von Arx

La Tirrenia Società di Navigazione mette all’asta la sua preziosa collezione di arte antica, moderna e contemporanea. A Palazzo Caravita di Sirignano, sede della società di navigazione, dal 23 novembre a cura di Blindarte.

La preziosa collezione d’arte, gioielli ed arredi di proprietà della Tirrenia, in amministrazione straordinaria, e conservata nel palazzo Caravita di Sirignano, anch’esso di proprietà della società di navigazione, va all’incanto a cura della casa d’aste Blindarte di via Caio Duilio. La collezione d’arte raccolta dalla Società di Navigazione è estremamente varia per tipologie e periodi storici; le opere, in particolare i quadri, sono però spesso accomunate dalla tematica “marina”, che tanta splendida pittura ha animato a Napoli tra XVII e XIX secolo. La collezione si distingue per alcuni capolavori dell’arte moderna italiana così come per dipinti d’eccezionale fattura del XVII-XVIII secolo. Da venerdì 15 novembre 2013 la collezione è visitabile al palazzo Sirignano di via Riviera di Chiaia, Napoli , sede  storica dal 1937 della Tirrenia. Dalle 18.00 l’evento inaugurale: il virtuoso napoletano Fabrizio von Arx al suo G. B. Guadagnini del 1754, accompagnato dalla sua Camerata du Léman, eseguirà l’integrale delle Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi più Carmen Concert Fantasy, Op.25 di Pablo de Sarasate, tra i cavalli di battaglia di von Arx, che l’ha incisa per Sony-RCA Red Seal con la Prague Sinfonia Orchestra. Tra i pezzi da novanta destinati all’incanto La Grande Composizione (figurazioni allusive alla vita sul mare) di Mario Sironi del 1948, olio su tela, opera di primaria importanza, proveniente  dalla nave “Esperia”, e fortemente voluta dal suo progettista triestino Gustavo Pulitzer, tra i più geniali interpreti dell’arredamento  navale. Il grande dipinto, eccezionale per qualità e dimensioni, è una rarità per tutta l’opera sironiana e andrà all’incanto con una  stima di 220.000/280.000 euro.

Sempre di Sironi vanno segnalate le 9 Composizioni, tempere su carta su tavoletta, ciascuna cm 44×25, particolarmente rilevanti per la finitezza e qualità della fattura. Tutte eseguite nel dopoguerra, le composizioni vengono proposte alla vendita con una stima di euro 5.000/8.000 ciascuna.
Di indubbia rilevanza sono i 10 straordinari dipinti di Alberto Savinio. Eseguiti nel 1949, i dipinti rappresentano ciascuno una molteplice riflessione sui temi del mare, della terra, delle rocce, del cielo e delle divinità arcaiche che ad essi l’artista ricollega. Ciascun dipinto esprime al meglio “un’atmosfera di sospensione e di incantesimo, la malinconica dimensione di un nostalgico sentimento del classico”* tipiche dell’opera di Savinio. Titoli come Sera, Il riposo del cavaliere, Cavaliere alla fonte, Natura morta, Ruggiero, Acquedotto Claudio, Paesaggio con Petaso, Paesaggio romano, Scoglio siciliano, Via Appia giungeranno all’incanto con una valutazione di 75.000/100.000 euro.
Va senz’altro notato inoltre il grande dipinto di Antonio Corpora, Passaggio a Gibilterra del 1964, stimato 22.000/26.000 euro, e la monumentale scultura in bronzo di Emilio Greco, Ritorno di Ulisse del 1965, stimata euro 40.000/60.000.
Tra i dipinti antichi di eccezionale rilevanza vanno segnalati : La tempesta in mare di Leonardo Coccorante e la Burrasca in mare di Marco Ricci. Entrambe opere di fine ‘600 con tematica simile, ma connotate di quelle caratteristiche pittoriche che rendono unico il percorso artistico diverso (Napoletano del primo e Veneziano del secondo) dei due Grandi Maestri. Il dipinto di Coccorante sarà presentato all’asta con la stima di euro 30.000/45.000; quello di Marco Ricci con la stima di euro 45.000/60.000. La vendita della collezione comprende anche importanti opere di: Maccari, Cassinari, Santomaso, Gentilini, Fiume, Tamburi e molti altri. La vendita include anche i sontuosi arredi e i prestigiosi modelli navali anche questi visibili a Palazzo Sirignano durante l’esposizione.

Da giovedì 14 Novembre tutti i giorni dalle 10 alle 19.30, presso gli ampi spazi espositivi della Blindhouse-Blindarte, in via Caio Duilio 10 a Napoli, saranno invece visibili tutte le opere e gli oggetti che andranno all’asta il 24 Novembre, nel seguente ordine:
24 Novembre 2013 ore 11,00 – Asta di gioielli, orologi, arredi, argenti, porcellane ed oggetti d’arte
24 Novembre 2013 ore 16,00 – Asta di dipinti antichi e dipinti XIX e XX secolo
24 Novembre 2013 ore 18,00 – Asta di arte moderna e contemporanea

Per ogni informazione: 081-2395261 o info@blindarte.com

 

Print Friendly
Rosa Criscitiello

Autore : Rosa Criscitiello

32 anni, afragolese. Dopo aver sostenuto i suoi esami presso l’ateneo federiciano ed essersi dedicata al teatro (laboratorio teatro Elicantropo, drammaturgia e regia), lascia l’Italia e termina gli studi laureandosi in Lingua e Cultura Italiana (Italiaanse Taal en Cultuur) all’Universiteit van Amsterdam; torna per un master in Management degli eventi e dei prodotti musicali, teatrali e cinematografici (Pomigliano Jazz Festival, Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II), al quale segue uno stage in “Stella Film”. Nel frattempo, si dedica alla progettazione culturale ed infine approda alla produzione di concerti, collaborando con Concerteria, Promomusic Italia e l’allestitore Italstage. Appassionata della propria italianità e dell’incontro tra le culture, parla benissimo l’inglese e molto meno bene il nederlandese, ed è, a tempo perso, un’insegnante di italiano a stranieri.

Tutti gli Articoli