Portale di approfondimento cittadino    |
K-Conjog: musica semplice per menti distorte. Un live set “plurale” al Maschio Angioino venerdì 7 settembre.
3 settembre, 2012   |  

E’ da un po’ che il Maschio Angioino si è aperto ad eventi più tosti. Venerdì 7 Settembre 2012 arriva a Napoli un concerto che è corredato di un bel po’ di roba. Lui si chiama Fabrizio Somma, per praticità comunicativa K-Conjog, produce musica elettronica d’alta frammentazione e suona un po’ di strumenti per ricamarla di melodie: esorcizza così elettronicamente il provincialismo prima tutto italiano e poi mera tipicità meridionale della musica nostrana. Atteggiamento questo già ben evidente con il suo esordio “Il Nuovo è al passo coi tempi” (uscito per Snowdonia Dischi/Audioglobe nel 2009) e, nel 2010 per l’etichetta inglese Dirty Demos un secondo disco, un ep electro/folk intitolato “Le storie che invento non le so raccontare” poi diventato un corto insieme a Francesco Lettieri, vincitore dello Schermo Napoli- Napoli Film festival 2011 (clicca qui per vedere il corto).

“Set your spirit freak”, il suo ultimo melting pot di clangori domestici, è uscito ad aprile per l’americana Abandon Building Records. Ed è diventato uno spettacolo live che a Napoli soddisfa ogni attesa. Spettacolo è la parola corretta, comincia con un aperitivo alle 20.30 da godere con una performance di Totore Nilo (all’anagrafe Salvatore Bellela – pittore, writer e motion grapher napoletano) che ci presenterà Etor – una metafora visiva del suo “fanciullino” – con un live painting di un suo graffito e le opere di Dom Barra che declinano la potenza del colore in ogni forma di Visual Art.

“Objetcs in  Mirror are Closer then they appear” è il lavoro video di Francesco Lettieri sul palco con K-Conjog. Giovanni Truppi aprirà il live con il suo show acustico chitarra e voce, chitarra emotiva e voce persuasiva.
Buon venerdì sera, postmoderno, napoletano.

Print Friendly
Michela Iaccarino

Autore : Michela Iaccarino

Leone ascendente scorpione. Classicista. Originaria della penisola sorrentina, trentenne. Eterna studentessa alla facoltà di Filosofia della Federico II. Collaboratrice e fotografa presso l’Associazione Italiana per le Ricerche di Storia del Cinema, i Quaderni di Cinemasud e CNN Italy. Ama ripetere: “La fotografia è la più verosimile delle menzogne”.

Tutti gli Articoli