Portale di approfondimento cittadino    |
Duel:LIVE “ó Cinemà” presenta Bullet, il nuovo album di KATAP. Stasera, 9 marzo, al Duel:Beat, dalle ore 22:30.
9 marzo, 2012   |  

Terzo appuntamento per la rassegna Duel : LIVE “ó Cinemà” al Duel Beat: il musi-cinema incontra i concerti per un’esperienza da autentici “music freak”, nel segno della riconferma di quella identità “europea” di spazio polifunzionale e capace di stimoli integrati che ha sempre caratterizzato il club di Agnano.

Questo il meccanismo: in Sala 2 dalle 21.30 vengono proiettati su schermo film classici dell’epopea rock, mentre in Sala 3 dalle 23.30 in poi iniziano i concerti.
Il pubblico potrà assistere ai film pagando una quota d’ingresso di 6€ comprensiva di consumazione e successivamente avrà diritto a restare nel club e godersi i concerti.
Per coloro che preferiranno assistere solo ai live invece basterà pagare un biglietto d’ingresso di €8 comprensivo di drink.

Stasera, venerdì 9 marzo dalle 21:30, verrà proiettato “24 hours party people”, la pellicola di Michael Winterbottom che racconta la comunità musicale di Manchester dal 1976 al 1997 e l’epopea della Factory Records.

Ma soprattutto il dopo-partita vedrà la formazione electro-punk dei KATAP impegnata nel live di presentazione di Bullet (Nut Label, 2011).

Il quartetto, capitanato da Fabio di Miero (vocals, computer, synth), autore di tutti i brani, e completato da Massimiliano Russo (electric guitars), Domingo Colasurdo (drums) e Rosario Acunto (computer, synth) eseguirà, col suggestivo supporto dell’iconica bambola (s)gonfiabile Kim, le 9 tracce che compongono questo che è il terzo lavoro discografico della band, dopo la release di My Trip, sotto l’egida dei Planet Funk (Bustin’Loose, 2005), ed Antiform (Nut Label, 2007), ricordato per la premiata Notorius Heart.

Bullet affonda le sue radici nel live, composto com’è da brani precedentemente sperimentati in live elettronici del tour di Antiform, rispetto al quale recupera in punk senza perdere in attitudine dancefloor e pare rappresentare più che mai lo spirito di quel “cut-up” (di cui il nome della band è trasposizione fonetica), cioè di quell’incontro narrativo tra pezzi sparsi, sempre endemicamente in bilico tra illuminazione intuitiva e sperimentazione inefficace.
Bullet centra l’obiettivo di essere diretto e fruibile, addirittura canticchiabile, complice linea e stile di una voce mai inarrivabile: l’elettronica insegue le chitarre massicce, e si plasma sopra di esse, il mood punk cede definitivamente il passo all’electro pop in tracce come Spotlife, mentre il ritmo sale con Berlin, che ricorda i Planet Funk più asciutti e meno ariosi e trasognati, per risolversi in techno con Feel next to.
Suadente l’omaggio agli ’80 in Sublime, intensamente furba, a chiusura dell’album, la versione per piano e voce di Notorius Heart.

I prossimi appuntamenti di “ó Cinemà”:

16 marzo – BRADIPOS IV, presentazione album “Live @ Radio KFCJ!!”
proiezione del film “Cadillac records”

23 marzo – DIAFRAMMA presentazione nuovo album “Niente di serio”
+ HUMANOALIENO presentazione album “omonimo”
proiezione del film “The Doors”

30 marzo – SCAN7
proiezione del film “Human Traffic”

Print Friendly
Rosa Criscitiello

Autore : Rosa Criscitiello

32 anni, afragolese. Dopo aver sostenuto i suoi esami presso l’ateneo federiciano ed essersi dedicata al teatro (laboratorio teatro Elicantropo, drammaturgia e regia), lascia l’Italia e termina gli studi laureandosi in Lingua e Cultura Italiana (Italiaanse Taal en Cultuur) all’Universiteit van Amsterdam; torna per un master in Management degli eventi e dei prodotti musicali, teatrali e cinematografici (Pomigliano Jazz Festival, Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II), al quale segue uno stage in “Stella Film”. Nel frattempo, si dedica alla progettazione culturale ed infine approda alla produzione di concerti, collaborando con Concerteria, Promomusic Italia e l’allestitore Italstage. Appassionata della propria italianità e dell’incontro tra le culture, parla benissimo l’inglese e molto meno bene il nederlandese, ed è, a tempo perso, un’insegnante di italiano a stranieri.

Tutti gli Articoli