Portale di approfondimento cittadino    |
Rȇve festeggia i 25 anni del primo scudetto del Napoli, ma è solo l’inizio: Ian Pooley al Dejavu il 18 maggio
13 maggio, 2012   |  

E’ evidente che qualcosa sta accadendo a Napoli, qualcosa come una presa di coscienza, qualcosa come una nostalgia. A qualcosa come un sogno devono aver pensato quelli di Upnea che hanno inaugurato qualche settimana fa un nuovo contenitore: Rȇve ( il progetto nato dalla collaborazione tra UPnea lab e Galleria19). Un’idea di intrattenimento con un chè di raffinato a cominciare dal nome.

Hanno cominciato a sognare con il live di Bugo, poi con Charles Webster, ma era, davvero, solo l’inizio. Venerdì scorso Upnea ha letteralmente riempito una serata all inclusive: l’arte della fotografia e delle videoproiezioni, la presentazione di un libro, un set live e un dj set, tutto, compreso il buffet, tutto di qualità altissima. Ma partiamo dalla congiuntura astrale che ha dato origine a questa esperienza poliedrica: venerdì 11 Maggio 2012 ricorreva un anniversario che anche il più sciatto dei tifosi si emozionerà a ricordarlo, venticinque anni sono trascorsi dal 1987, anno del primo scudetto del Napoli. Un Napoli che fu un sogno. All’epoca si aggirava intorno a quel San Paolo un giovanissimo fotoreporter: Sergio Siano ha con pazienza ricercato i suoi scatti dell’epoca e come, credo, nessun’altro possa ancora fare ci ha raccontato questo sogno in una carrellata di immagini che ritrae una città trasmutata all’improvviso da un riscatto che ancora oggi desidera con la stessa visceralità. E chi l’avrebbe detto venticinque anni fa che quella emozione sarebbe diventata ricordo e storia, commovente, rabbioso, pretesto di riflessione? Chi lo sapeva che quella era una piccola parte di storia?

All’apertura della mostra fotografica si è accompagnata la presentazione del libro Il Napoli di Maradona di Marco Bellinazzo e Gigi Garazini: un aperitivo o cena azzurri di immagini e parole, un estratto di storia napoletana anni Ottanta prima di godersi il party… Un party che è cominciato con il live di un gruppo trasversale: gli Inner City Affair; ed è sempre di gusto il dj set di Irene Ferrara, che mixa con nonchalance main stream a chicche evocative da intenditori. Il tutto è accaduto al bianco Dejavu di Pozzuoli… Che ha un bar niente male.

Rȇve  continua venerdì prossimo 18 maggio con il dj set di un raffinatissimo signore del tempo: Ian Pooley. Questo German-born DJ ha il pregio di essere un precisino amante del brazilian touch che non ha disdegnato di remixare i Daft Punk, i Cardigans o Bob Sinclair. Pare che la sua apertura mentale gli permetta di creare set unici costruiti con pazienza e dedicati alla scena. House per amanti del jazz, jazz per amanti della bossa o bit per distratti amanti delle sorprese.

Photo © Hermes Lacatena

Print Friendly
Michela Iaccarino

Autore : Michela Iaccarino

Leone ascendente scorpione. Classicista. Originaria della penisola sorrentina, trentenne. Eterna studentessa alla facoltà di Filosofia della Federico II. Collaboratrice e fotografa presso l’Associazione Italiana per le Ricerche di Storia del Cinema, i Quaderni di Cinemasud e CNN Italy. Ama ripetere: “La fotografia è la più verosimile delle menzogne”.

Tutti gli Articoli