Portale di approfondimento cittadino    |
Orchestra Joubés live per la Notte dei Musei a “Leonardo Raffaello Caravaggio – Una Mostra Impossibile”
27 dicembre, 2013   |  

OJ-4-ok-per-3Orchestra Joubès per “Leonardo Raffaello Caravaggio – Una Mostra Impossibile” al convento di San Domenico Maggiore di Napoli. Sabato 28 dicembre alle 21 il trio composto da Antonio Fraioli, Davide Mastropaolo ed Ernesto Nobili suonerà l’omonimo album di esordio nella splendida Sala del Capitolo del convento di San Domenico Maggiore. Ingresso 10 euro compresa la visita alla mostra.

Orchestra Joubès per Leonardo Raffaello Caravaggio – Una Mostra Impossibile al convento di San Domenico Maggiore di Napoli. Sabato 28 dicembre alle 21 l’inedita “orchestra”, composta dal virtuoso della chitarra e del bouzouki Ernesto Nobili, il polistrumentista Antonio Fraioli (violino, tammorra e percussioni “non convenzionali” come bidoni e tubi) e Davide Mastropaolo (pianoforte, harmonium e samples/elettronica), suonerà le dieci tracce dell’album di esordio Orchestra Joubès (AGUALOCA RECORDS, 2012), sospese tra world music ed atmosfere da avanguardia del primo Novecento. Il concerto avrà luogo nella Sala del Capitolo del convento di San Domenico Maggiore, reduce da un imponente e capillare restauro e restituito alla città lo scorso 3 dicembre. Biglietto 10€ comprensivo di visita alla mostra. Leonardo Raffaello Caravaggio – Una Mostra Impossibile aderisce a Una Notte al Museo, il progetto ideato dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, che prevede l’apertura serale dalle 20:00 alle 24:00 dei luoghi d’eccellenza della cultura tra musei e aree archeologiche statali. Per informazioni e prenotazioni 3284989718 e livesultettodineapolis@gmail.com
Facebook: Una Napoli Impossibile (pagina ufficiale del programma di eventi della mostra).

Orchestra Joubès è orchestra in senso moderno ed ironico, capace di produrre un ampio spettro di sonorità, da quelle più riconoscibilmente world music a quelle che citano brillantemente le sperimentazioni proprie delle avanguardie dello scorso secolo. Lo stesso nome Joubès richiama quello di una vecchia fabbrica di dolciumi nel villaggio di Sarlat, nella regione francesce del Perigord, e restituisce l’idea della fascinazione per un clima culturale e musicale ben preciso che cantava, e canta nel disco del trio, soprattutto in francese, ma anche in spagnolo, italiano, inglese. La grande esperienza e lo sperimentalismo chitarristico di Ernesto Nobili (il quale, oltre alla chitarra classica, acustica, elettrica e al bouzouki, suona anche una chitarra con accordatura di sua invenzione) incontrano così la dimensione tutta acustica e la profondamente conoscenza della musica popolare di Antonio Fraioli, che su “Orchestra Joubès” ha suonato persino i bidoni per le cartacce sparsi per gli studi di Agualoca Records, e insieme danno vita a soluzioni preziose, le quali vengono lasciate godere in tempo reale oppure campionate e riprodotte come samples e loop da Davide Mastropaolo, forte della corposa esperienza di realizzazione di colonne sonore e sonorizzazione di film. Orchestra Joubès è un modernissimo ensemble senza tempo, mai atterrito dalle imprevedibili forme che la musica può assumere nel gioco di sovrapposizioni tra performance suonata e rielaborazione elettronica e capace di esplorare tutti i generi e comprenderli nella propria originale personalità musicale.

Leonardo Raffaello Caravaggio – Una Mostra Impossibile è l’operazione, condotta da Rai-Radiotelevisione italiana, Comune di Napoli-Assessorato alla Cultura e al Turismo e Associazione Pietrasanta Polo culturale, che mette l’una accanto all’altra, in una selezione altrimenti “impossibile” per l’appunto, il maggior numero mai immaginato di opere per ciascuno dei tre giganti dell’arte universale, compresi affreschi ed altri capolavori che diversamente non potrebbero lasciare in concreto le loro sedi. 63 dipinti di Caravaggio, 37 di Raffaello (compresa La scuola di Atene) e 17 di Leonardo (tra cui L’ultima cena), proposte in riproduzioni digitali ad altissima definizione, saranno ospitate dal 3 dicembre 2013 al 21 aprile 2014 nelle sale di un altro capolavoro appena restituito alla città di Napoli, vale a dire il convento di San Domenico Maggiore.

Sabato 28 dicembre ore 21
Sala del Capitolo del convento di San Domenico Maggiore
Vicolo San Domenico Maggiore, 18 – 80134 Napoli

Orchestra Joubès in concerto.

Per informazioni ed acquisto biglietti agli spettacoli (comprensivi di visita alla mostra):
3284989718
livesultettodineapolis@gmail.com

Facebook: Una Napoli Impossibile (pagina ufficiale del programma di eventi della mostra)
https://www.facebook.com/pages/Una-Napoli-Impossibile/171281416412956?fref=ts

Ufficio stampa: Rosa Criscitiello
rosacriscitiello@gmail.com

Print Friendly
Rosa Criscitiello

Autore : Rosa Criscitiello

32 anni, afragolese. Dopo aver sostenuto i suoi esami presso l’ateneo federiciano ed essersi dedicata al teatro (laboratorio teatro Elicantropo, drammaturgia e regia), lascia l’Italia e termina gli studi laureandosi in Lingua e Cultura Italiana (Italiaanse Taal en Cultuur) all’Universiteit van Amsterdam; torna per un master in Management degli eventi e dei prodotti musicali, teatrali e cinematografici (Pomigliano Jazz Festival, Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II), al quale segue uno stage in “Stella Film”. Nel frattempo, si dedica alla progettazione culturale ed infine approda alla produzione di concerti, collaborando con Concerteria, Promomusic Italia e l’allestitore Italstage. Appassionata della propria italianità e dell’incontro tra le culture, parla benissimo l’inglese e molto meno bene il nederlandese, ed è, a tempo perso, un’insegnante di italiano a stranieri.

Tutti gli Articoli