Portale di approfondimento cittadino    |
Paul Valéry a Palazzo Du Mesnil
17 dicembre, 2015   |  

Paul Valéry, Opere scelte“Questo lavoro che ha portato all’edizione delle Opere scelte nasce da un mondo di rapporti napoletani”. Così spiega Maria Teresa Giavieri nel suo intervento in occasione della presentazione delle Opere scelte di Paul Valéry, pubblicato nei Meridiani Mondadori e al centro di un incontro a Palazzo Du Mesnil (Università L’Orientale) il 15 dicembre, organizzato da Anna Cerbo e coordinato dal filosofo Aldo Trione. Dal 1997 al 2008, Professore Ordinario proprio a L’Orientale, Maria Teresa Giavieri ricorda infatti come gran parte di quelli che hanno lavorato all’edizione da lei curata abbiano strette relazioni con Napoli.

Il risultato è un Meridiano che raccoglie una scelta di testi di Valéry suddivisi in sezioni per genere letterario. La poesia è presente con i grandi testi, ma anche con le poesie giovanili e poesie finora ignote e ritrovate nella corrispondenza con gli amici. Si aggiungono le sezioni di prosa poetica, i grandi dialoghi, il teatro e un’ampia sezione di saggistica. Quindi i “Modelli e strumenti del pensiero” con il celebre “Monsieur Teste”, “Leonardo da Vinci”, i “Quaderni”, il suo “Corso di Poetica” al Collège de France e finora inedito.

“Nell’organizzazione del volume, delle sezioni e delle traduzioni, ho lavorato su come Valéry ha costruito se stesso”, afferma la curatrice.

Ma al di là del Meridiano, che è di per sé un prodotto di grande valore culturale, la presentazione a Palazzo Du Mesnil ha rappresentato un evento di grande interesse per come si è configurato. Una presentazione accademica volutamente atipica che alle relazioni frontali di chi è al di là del tavolo ha preferito lo scambio di idee con il folto pubblico in sala. Si è creata in tal modo una fitta rete di interventi (anche questi di alto livello come le parole dei “relatori ufficiali”) che si sono focalizzati sul lavoro e sulla produzione di Valéry, ma allo stesso tempo hanno allargato il campo di indagine e di dibattito, rendendo il tutto vivo, intrigante e intellettualmente fertile. Come giusto e soprattutto bello che sia.

Print Friendly
Armando Rotondi

Autore : Armando Rotondi

È docente di Letteratura Italiana a L'Orientale di Napoli e Full-Time Lecturer in Performance Theory, History and Criticism e in Story-Telling a Barcellona. Precedentemente è stato Adjunct Prof. presso la Nicolaus Copernicus University di Torun (Polonia) e ricercatore in visita a Bucarest e ha insegnato Discipline dello Spettacolo e dei Grandi Eventi al Corso di Laurea in Scienze del Turismo dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Dopo essersi laureato in teatro e cinema presso la “Federico II” e “La Sapienza” di Roma, ha conseguito il Dottorato di Ricerca all’University of Strathclyde di Glasgow. È stato traduttore per il Tron Theatre di Glagow. Iscritto come giornalista al Chartered Insitute of Journalist (UK), ha pubblicato quattro monografie, un volume in curatela e circa cento tra articoli scientifici, schede di catalogo e voci di dizionario/enciclopedia. È stato inoltre relatore in più di venti convegni internazionali in Italia, Stati Uniti, Gran Bretagna, Polonia, Romania, Turchia, Irlanda e Repubblica Ceca.

Tutti gli Articoli