Portale di approfondimento cittadino    |

Chi siamo

Rosa Criscitiello
Rosa Criscitiello

30 anni, afragolese. Dopo aver sostenuto i suoi esami presso l’ateneo federiciano ed essersi dedicata al teatro (laboratorio teatro Elicantropo, drammaturgia e regia), lascia l’Italia e termina gli studi laureandosi in Lingua e Cultura Italiana (Italiaanse Taal en Cultuur) all’Universiteit van Amsterdam; torna per un master in “Management degli eventi e dei prodotti musicali, teatrali e cinematografici” (Associazione “Pomigliano Jazz”, Facoltà di Economia dell’università degli studi di Napoli “Federico II”), al quale segue uno stage in “Stella Film”. Nel frattempo, si dedica alla progettazione culturale ed infine approda alla produzione di concerti, collaborando con Concerteria, Promomusic Italia e l’allestitore Italstage. Appassionata della propria italianità e dell’incontro tra le culture, parla benissimo l’inglese e molto meno bene il nederlandese, ed è un’insegnante di italiano a stranieri qualificata DITALS (qualifica ufficiale come “docente di italiano come lingua straniera”, rilasciata dalla Università degli studi di Siena). rosacriscitiello@effettonapoli.it
Salvatore Iorio
Salvatore Iorio

Nato a Torre Annunziata (Na) il 29 agosto 1979 e laureato in lettere moderne, è redattore di Quaderni di Cinemasud, periodico di cultura cinematografica. Ha pubblicato saggi e articoli anche su Cinemasessanta e Airsc-Notizie. Ha lavorato come aiuto-regia per Ettore Massarese negli spettacoli Cinematografo (2006 - 2007) e Santo Pulcinella, il demonio e les amis du jeu (2007), per Mario Amura nel videoclip Mexico (2005) e per Marcello Amore nel cortometraggio L’estro di Mario (2009). Ha pubblicato un contributo nella monografia collettiva Alberto Grifi: Oltre le regole del cinema (Mephite, 2008). Ha curato la monografia Per Massimo Troisi. Saggi, ricordi, riletture (Mephite, 2010), dedicata al grande comico napoletano, e Cronache futuriste (1932 – 1935) di Emanuele Caracciolo (Mephite, 2012), raccolta degli scritti critici del regista cinematografico perito nella strage nazista delle Fosse Ardeatine. salvatoreiorio@effettonapoli.it
Inghemarck Guida
Inghemarck Guida

La mia storia ha inizio tra le colline di Vico Equense, al casale di Arola. Patria di alcuni capolavori lattiero-caseari, quali il Provolone del Monaco d.o.p. ed il Riavulillo. Cresciuto su una terrazza naturale sul golfo di Napoli e quello di Sorrento La mia è una storia di passione per il territorio ed il suo cibo e per il mestiere del cuoco. Ho conseguito il diploma nel 1996 presso il prestigioso Istituto Alberghiero di Vico Equense,. Nell’ambito della mia quasi ventennale esperienza professionale ho collaborato con grandi strutture alberghiere e ristorative. A Napoli ho potuto collaborare al Royal Continental Group. La mia cucina esprime costantemente il tentativo di sintetizzare solide conoscenze professionali  e personali intuizioni, attraverso un percorso fatto di radici, ricerca e rispetto. che resta tuttavia “semplice, buona e bella”. Seguo il mio progetto di  chef a domicilio col quale metto la mia esperienza professionale al servizio dei nuovi luoghi e modi dello stare insieme mangiando. Ulteriori info al sito:  www.chefacasavostra.com
sara-formisano
Sara Formisano

Nata a Pompei il 20 luglio del 1989, dopo la maturità classica segue il Corso di Laurea in Discipline delle Arti visive della Musica e dello Spettacolo all’Università di Salerno. Collabora con Unis@und e l'Ufficio stampa dell’Ateneo. Ha scritto per i giornali online "Lo strillone", "Il fatto del giorno", "Centro Nazionale Notizie Italy", "Il quotidiano del domani", "Il Corriere demoetnoantropologico", occupandosi in genere di cinema, libri e moda. Collabora anche con "Il Corriere della Campania".
Paola Mazzarelli
Paola Mazzarelli

Paola Mazzarelli, napoletana, ha studiato all’Istituto Universitario Orientale, si è laureata col massimo dei voti in Lingue e Letterature Straniere Moderne. Si è occupata di: teatro (spettacoli e laboratori, recensioni); riviste (redattrice, editor); pittura (busking e mostre). La poesia e la scrittura restano le sue abitudini più incallite. Insegna Inglese in una scuola superiore di Napoli.
Micaela Tempesta
Micaela Tempesta

Nata a Napoli nel ’76 e vive con la musica da quando ne ha memoria. Scrive per mestiere e per passione e quello che scrive solitamente lo si può ascoltare più che leggere: è il suo modo per scaricare ansie, frustrazioni, tachicardie e mal d’amore vari. Ho collaborato con uno studio di produzione di musica dance durante la sua prima adolescenza poi per fortuna è rinsavita (o forse si è rincoglionita del tutto) e vive la sua seconda adolescenza facendo la cantautrice: http://soundcloud.com/micaelatempesta/sets; http://soundcloud.com/micaelatempesta-live/micalive-joker. A domande sulla sua biografia risponde: “Nella mia vita sono stata nell’ordine una studentessa, una figlia di papà annoiata e indecisa, un ignorante arrogante, una ragazza ribelle, una pallina da flipper tra le facoltà della Federico II, una commessa , una segretaria, una musicista, una cantante, una che scrive troppo e parla poco, una donna normale, insomma. Odio parlare di me, mi piace essere una persona giusta…non sempre ci riesco ma almeno ci provo. La mia città mi rende prigioniera e sorridente, mi nega il diritto ad una vita normale, la mia città è colorata e qualche volta devo ammetterlo puzza. È caotica e da brava cittadina contribuisco volentieri al caos. La mia città è una perla ai porci: i porci siamo noi. Sono convinta che tutto possa cambiare ma nulla cambierà il rapporto che lega qualunque napoletano alla propria città, come una radice inestirpabile, un cordone ombelicale mai tagliato, sistole e diastole dentro ognuno di noi. La portiamo dentro ovunque andiamo…e chiunque va via lascia un pezzo di sé qui girovagando per il mondo perennemente incompleto e malinconico. A volte mi domando se a un milanese manchi la madunina. Se non sei napoletano non puoi capire. Questa è una verità.”
Samira

È giovane e bella. Innamorata dell’Oriente e degli intrecci culturali che a Napoli come altrove mai si stringono. E pertanto inevitabilmente attratta anche da tutta quella cultura che da Napoli parte e si muove nel mondo. Ha studiato all’Institut National des Langues et Civilisation di Parigi laureandosi in Mediazione linguistica e culturale presso l’Orientale di Napoli ed ora sta per laurearsi presso lo stesso ateneo in Scienze delle Lingue, Storia e Culture del Mediterraneo con una tesi sul Diritto musulmano e dei Paesi Islamici.
pino di stefano
Pino Distefano

Pino Distefano è nato a Napoli nel 1983. È coautore insieme a Gianmarco Pisa e Christian Gemei del libro Cercando Pasolini (La Città del Sole, Napoli, 2006). Si interessa di cinema d’animazione, fumetto, filosofia e letteratura. Ha scritto di cinema e fumetto per la rivista online Wolf e per C per Cinema. Ha conseguito il diploma per sceneggiatura per audiovisivi presso la Scuola Italiana di Comix di Napoli.

Tutti gli Articoli